SACCOLONGO – Con una cerimonia a Saccolongo in provincia di Padova parte la causa di Beatificazione e canonizzazione di Padre Daniele Hechich, esempio di fede e spiritualità… || Il processo della causa di beatificazione e canonizzazione del Servo di Dio Padre Daniele Hechich, conosciuto semplicemente come padre Daniele si apre ufficialmente domenica 29 novembre con la prima sessione pubblica e di apertura e il giuramento delle diverse commissioni. La cerimonia si terrà nella chiesa parrocchiale di Saccolongo alla presenza del vescovo di Padova mons. Claudio Cipolla. Vista la pandemia in atto la cerimonia sarà aperta ad un numero contingentato di fedeli. Con l’apertura solenne della prima sessione del processo di beatificazione e canonizzazione, si dà inizio a una fase delicata, sottoposta a segreto istruttorio, che prevede: l’ascolto dei testimoni da parte del tribunale nominato ad hoc dal vescovo, l’esame degli scritti editi e ineditie una serie di accertamenti conclusivi al fine di comporre e chiudere tutti gli atti che poi a seguito della sessione (pubblica) di chiusura saranno spediti alla Congregazione delle cause dei santi. Padre Daniele nacque nel giugno del 1926 in Istria, allora diocesi di Trieste e Capodistria. Diversi conventi nel nordest lo ebbero come confessore e direttore spirituale di anime.Sopportò con eroica pazienza l’infermità che lo afflisse per 50 anni, offrendo tutto per la santificazione del clero e la conversione dei peccatori.Morì a Saccolongo il 26 settembre 2009, dopo 63 anni di vita religiosa e 53 di sacerdozio. (Servizio di Francesco Rataj)


videoid(XecX4NGr0KQ)finevideoid-categoria(servizio_tg)finecategoria