PADOVA – Conferenza stampa della dirigenza dell’istituto oncologico veneto. Sono 16 i contagiati, non ci sono perà focolai,. I protocolli restano rigidi per permettere a tutti le cure. || Continuano visite e degenze allo IOV, perchè questo avvenga le regole restano invariate: per accedere ai reparti bisogna passare per il triage, mascherina e igenizazione delle mani. Tutti i pazienti vengono sottoposti a tampone prima di essere ricoverati. Se durante la prima ondata erano state sospese circa 600 prestazioni, tutte recuperate entro agosto, adesso invece sono sospese solo le attività libero professionale dei medici. Il personale viene controllato ogni 20 giorni. Ad oggi su circa 1200 dipendenti le positività al covid sono 16: 8 all’ospedale di Castelfranco e 8 a Padova. Non sono focolai ha assicurato la dirigenza dell’Istituto Oncologico Veneto, i contagi infatti sono a macchia di leopardo. – Intervistati GIUSEPPINA BONAVINA (Direttore Sanitario IOV) (Servizio di Francesco Rataj)


videoid(LL0b7HpVc80)finevideoid-categoria(servizio_tg)finecategoria