PADOVA – La situazione maltempo sul padovano, resta l’allerta meteo fino alla serata di mercoledì, ma i livelli dei fiumi sono sottocontrollo e anche la piena del Bacchiglione sta passando senza preoccupazione || La nuova ondata di piena del Bacchiglione nonostante le piogge incessanti delle scorse ora sta attraversando Padova senza destare particolare preoccupazione. I livelli sono bassi e i dati dei grafici mostrano una graduale discesa. Il brenta riceve e sta scaricando in mare. La piena ha attraversato il quartiere della Paltana in tarda mattinata. L’andamento è stato monitorato dalla protezione civile in contatto costante con i tecnici del genio civile. I livelli dei fiumi maggiori avevano incominciato ad abbarsarsi già dalla tarda serata di martedì. Oltre 90 volontari della protezione civile divisi in 23 squadre hanno operato per tutta la giornata dell’8 dicembre mentre nella notte 8 squadre hanno monitorato tutto il territorio della provincia. Nella zona della bassa padovana a preoccupare è stato soprattutto l’Adige con i suoi fontanazzi. Ad Anguillara Veneta la protezione civile ha impiegato ore per mettere in sicurezza un fontanazzo che si è aperto in un terreno agricolo a pochi metri dalla sponda dell’Adige. Sul posto il sindaco di Anguillara Alessandra Buoso e quello di Agna Gianluca Piva che è presidente del distretto di protezione civile del Conselvano.Il fenomeno dei fontanazzi è molto frequente nelle zone che costeggiano l’Adige, alcuni sono storici altri invece si formano all’improvviso nei terreni di campagna. Nell’alta padovana sotto controllo il Brenta e il Muson. (Servizio di Valentina Visentin)


videoid(dogcpEfddfY)finevideoid-categoria(servizio_tg)finecategoria