PADOVA – Il covid entrato nel carcere Due Palazzi, miete la prima vittima. Morto il serial killer Donato Bilancia || Il covid non gli ha lasciato scampo, il serial killer Donato Bilancia, detenuto nel carcere Due Palazzi di Padova, è morto stroncato dal virus. Bilancia che terrorrizzò l’Italia con i suoi delitti efferati nei treni era condannato a 13 ergastoli per diciassette omicidi e 16 anni per un tentato omicidio. Stava scontando la sua pena a Padova, in carcere si era diplomato e aveva deciso anche di sostenere le spese del mantenimento di un bimbo di otto anni affetto da sindrome di down a cui devolveva parte della sua pensione. Più volte aveva chiesto un permesso per poterlo visitare, ma il Tribuinale di Sorveglianza ritenendolo “pericoloso” lo aveva sempre negato. In carcere Bilancia non si era mai pentito dei suoi omicidi. Soprannominato “il mostro dei treni” o “il serial killer delle prostitute” venne arrestato nel 1998 dopo un anno di paura, a tradirlo fu l’auto usata per alcuni suoi spostamenti. Era nato a Potenza nel 1951. All’interno del carcere Due Palazzi al momento il focolaio di covid conta 46 contagiati, di questi 31 sono detenuti. (Servizio di Valentina Visentin)


videoid(fAjHhnkK9Jo)finevideoid-categoria(servizio_tg)finecategoria