14/01/2021 MARGHERA – Vaccini. Arrivate le dosi Moderna che saranno destinate a ultra80enni e malati oncologici, a fine gennaio attesa l’approvazione Astra Zeneca. Zaia parla di mini immunità di gregge. Stamattina l’incontro con il Governo sul Dpcm. || Confini regionali chiusi fino al 15 Febbraio non più dunque al 5 Marzo, questa mattina nuovo confronto tra Governo e Regioni sul nuovo Dpcm che disegnerà il paese di domani sostanzialmente fino alla primavera. Un cofronto chiuso con la promessa di rivedere i dati di settimana in settimana. Nei prossimi giorni nuovo incontro con la conferenza delle Regioni su modalità e tempistiche della vaccinazione anti-covid. 40mila a setittmana sono i vaccini pfizer destinati al Veneto, dosi destinate a medici e Rsa, molto più esigua la fornitura Moderna che sarà destinata agli ultra ottantenni, ma la vera novità è l’approvazione attesa di Asrtra Zeneca. In piena terza ondata il Veneto conferma il trend in calo dei contagi per il 14 esimo giorni di fila e annuncia di aver aperto la seconda trance di vaccini oltre agli ultraottantenni anche ai malati oncologiciPer gli ultraottantenni, 350 mila in Veneto, si parte dalla classe 1941. Molti saranno raggiunti dall’assistenza domiciliare. Obbiettivo creare una prima mini immunità di gregge. Sulla crisi di Governo Zaia chiarisce la stabilità e solidità della Regione come interlocutore del Governo auspicando che non si debba tornare ad elezioni. – Intervistati LUCA ZAIA (PRESIDENTE REGIONE VENETO) (Servizio di Anna De Roberto)


videoid(WxP-OBgPc44)finevideoid-categoria(servizio_tg)finecategoria