16/01/2021 CITTADELLA – Acqua potabile: tanta e di buona qualità, esce dal centro idrico di Camazzole di Carmignano di Brenta. Etra ne ha rilevato la metà della proprietà. || Il centro di acqua potabile di Camazzole di Carmignano di Brenta è diventato al 50% proprietà di Etra. L’altra metà rimane in carico ad Acque venete. Sono nove pozzi di acqua potabile vicino al lago Giaretta, interconnessi tra loro e con i pozzi golenali preesistenti, da un serbatoio di accumulo di 7.000 mc dal quale esce una condotta in acciaio da 120 cm di diametro. Con questo acquisto, Etra ha anche incorporato altre due condotte: la prima di 33 chilometri che da Camazzole arriva a Cadoneghe, attraversando Grantorto, Piazzola, Campo San Martino, Limena, Vigodarzere, Campodarsego, sia quella di circa 10 km compresa tra Cadoneghe e il Tergola che si dirama verso Vigonza. L’obiettivo del progetto è garantire forme alternative di approvvigionamento d’acqua nelle zone a rischio idrico e fortemente impattate dagli altri consumi, spesso stagionali, indotti dal turismo. Un investimento di oltre 22 milioni di euro, che aggiunti ai circa 36 milioni programmati dal Consiglio di Bacino Brenta e realizzati dal gestore, portano a oltre 58 milioni gli euro investiti nel Servizio Idrico Integrato nel corso del 2020. (Servizio di Guido Barbato)


videoid(eGUHasER_ws)finevideoid-categoria(servizio_tg)finecategoria