17/02/2021 PADOVA – Ad un anno dallo scoppio della pandemia, i tre giovani medici che decisero di entrare a Vo’ per sostituire i dottori in quarantena hanno ricevuto il premio Bontà dell’Arciconfraternità di Sant’Antonio. Le immagini della diretta di Rete Veneta || Un anno fa hanno scelto di entrare a Vo’, paese blindato epicentro del primo cluster di covid in Veneto e in Italia e hanno prestato servizio per curare i pazienti. A distanza di un anno i medici Maria Teresa Gallea, Paolo Simonato, Luca Sostini hanno ricevuto il premio Bontà che ogni anno l’Arciconfraternità di Sant’Antonio assegna alle persone “testimoni di bene”.Questa la motivazione del premio letta con emozione dopo la messa Solenne in Basilica trasmessa in diretta domenica da Rete Veneta e sui nostri canali social. I tre medici già insigniti a giugno dal presidente Mattarella dell’onoreficenza di Cavalieri dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana hanno raccontato l’insegnamento tratto dai quei giorni vissuti in prima linea, quando la pandemia era ancora sconosciuta. – Intervistati MARIA TERESA GALLEA (Medico) (Servizio di Valentina Visentin)


videoid(Is9KaJYJHpc)finevideoid-categoria(servizio_tg)finecategoria