19/02/2021 VO – Ideale avvio di queste giornate di anniversario a Vo’ il canto di speranza dei ragazzi delle scuole medie nella piazza del paese che lunedì vivranno insieme un evento intitolato “Io ricordo”. || Il canto degli studenti della scuola media di Vo’ abbracciato da un timido sole di fine febbraio guidato dall’insegnante di musica. Rinascita e speranza: lo dicono come solo gli adolescenti sanno fare con coraggiosa timidezza. Ragazzi che prima di altri hanno conosciuto il duro lockdown. Sabato 22 febbraio 2020 la scuola di Vo’ era già chiusa, prima delle altre del Veneto che non sarebbero rientrate in classe dopo il ponte di Carnevale. E allora dal cassetto dei ricordi, il dirigente scolastico dell’istituto comprensivo di Lozzo Atestino Alfonso D’Ambrosio estrae due momenti che proprio alla sua scuola sono legati: il 27 febbraio 2020 quando per la prima volta le classi si collegarono in didattica a distanza e il 14 settembre quando il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha inaugurato l’anno scolastico. La pandemia non è vinta ma di strada ne è stata fatta tanta. E allora lunedì i ragazzi, ognuno nella sua classe, si uniranno in videoconferenza durante una mattinata dal titolo “Io ricordo” per fare memoria e riaccendere i sogni. – Intervistati ALFONSO D’AMBROSIO (Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Lozzo Atestino) (Servizio di Chiara Gaiani)


videoid(AqdTDuFGuuw)finevideoid-categoria(servizio_tg)finecategoria