09/03/2021 PADOVA – Proseguono le indagini della squadra mobile per individuare il cecchino che sabato sera ha centrato un finestrino dell’autobus numero 13. Secondo il prefetto potrebbe essere emulatore del vandalo che nelle scorse settimane avveva danneggiato alcuni mezzi in città || Potrebbe essere stato ripreso dalle telecamere di videosorveglianza della Banca d’Italia il vandalo che sabato serata ha lanciato qualcosa contro i finestrini di un autobus che stava passando proprio lungo riviera Tito Livio in pieno centro a Padova. Le indagini della squadra mobile si stanno concentrando sui filmati delle telecamere cittadine, molte di queste posizionate proprio davanti alla fermata da cui sarebbe partito l’oggetto contundente che ha mandato in frantumi il vetro del bus. Il piccolo oggetto non è stato ritrovato. In città dopo l’individuazione del 29enne che nelle settimana scorse aveva preso di mira i mezzi di trasporto pubblico torna la paura degli agguati ai bus con lanci di sassi.Secondo il prefetto potrebbe essere una bravata di qualche ragazzo, un episodio singolo ma comunque segnale del disagio che i più giovani stanno vivendo in questo periodo di pandemia. I sindacati dei dipendenti Busitalia però non intendono sottovalutare questi episodi e continuano a chiedere i vigilantes sui mezzi di trasporto. – Intervistati RENATO FRANCESCHELLI (Prefetto di Padova) (Servizio di Valentina Visentin)


videoid(emzkqp-e4qg)finevideoid-categoria(servizio_tg)finecategoria