11/03/2021 PADOVA – Due eventi avversi in Italia dopo la vaccinazione con Astrazeneca. Anche la regione Veneto ritira il lotto ABV2856 a titolo precauzionale. A Padova il siero usato per le vaccinazioni in corso all’Università. || C’è anche Rosario Rizzuto il rettore dell’università di Padova tra le persone vaccinate con il lotto di siero Astrazeneca bloccato dall’Aifa dopo la segnalazione di alcuni eventi avversi gravi. Una parte delle dosi del lotto ABV2856 erano state destinate proprio alla vaccinazione dei docenti universitari. L’ateneo patavino conferma che sono già state tutte somministrate e che non sono state registrate reazioni gravi. Lo stesso Rettore ha avuto solo una leggera febbre a distanza di 24 ore dal vaccino avvenuto lo scoros 4 marzo. Parte del lotto al momento bloccato era stato destinato anche alle forze dell’ordine in particolare alla Questura di Padova. Lo confermano fonti del sindacato di polizia. Il segretario del sap padova Mirco Pesavento ci ha riferito di aver contatto il medico provinciale della polizia e di aver avuto conferma della sospensione della somministrazione del vaccino agli agenti. In un comunicato la Regione Veneto precisa che è attivo un monitoraggio costante delle reazioni avverse che, finora, non ha fatto registrare episodi di rilievo, ma solo eventi lievi che si possono comunemente verificare dopo l’erogazione di un vaccino. La stessa Aifa ha precisato che ancora “non è stato stabilito alcun nesso di causalità tra la somministrazione del vaccino e gli eventi segnalati”. La sorveglianza ed il ritiro precauzionale sono da interpretare come una procedura a garanzia. (Servizio di Valentina Visentin)


videoid(CvoEUipYhRY)finevideoid-categoria(servizio_tg)finecategoria