17/03/2021 MARGHERA – Lo stop ad Astrazeneca costa la Veneto 10mila vaccinazioni al giorno, si allontana l’obiettivo di somministrare almeno la prima dose a tutti i veneti all’inizio dell’estate. Intanto crescono molto rapidamente i ricoveri, soprattutto quelli in terapia intensiva. Il punto del presidente della regione Veneto, Zaia. || Il virus ha ripreso a correre e ad allarmare sono soprattutto i dati dei ricoveri, in area non critica ma soprattutto in terapia intensiva. Non nasconde la preoccupazione il presidente del Veneto, i modelli previsionali indicano che rischiamo di arrivare a 300 persone in terapia intesiva per il covid a fine Marzo proprio come un anno fa. L’altra preoccupazione è quella per la campagna vaccinale con lo stop al vaccino AstraZeneca. Ieri sono state fatte oltre 11mila900 vaccinazioni con Pfizer e Moderna, quasi altrettante sono state bloccate. Mentre si attende la decisione dell’Ema sul vaccino di Oxford si allontana l’obiettivo di imminizzare prima dell’estate almeno con la prima dose tutti i veneti “lagrande sfida – dice Zaia- è arrivare a mettere in sicurezza prima dell’estate almeno gli over 70 e le persone fragili” – Intervistati LUCA ZAIA (PRESIDENTE REGIONE VENETO), MANUELA LANZARIN (ASSESSORE SALUTE REGIONE VENETO) (Servizio di Marta Marangon)


videoid(OUgFKD5Eh90)finevideoid-categoria(servizio_tg)finecategoria