07/04/2021 PADOVA – L’arrivo di 41 mila dosi di siero Pfizer fa ripartire le vaccinazioni degli ultraottanenni e e degli over 75 fragili. “Entro fine aprile i più anziani saranno immunizzati” assicura l’ulss euganea. Da fine mese parte anche la collaborazione con i medici di base per le vaccinazioni Astrazeneca alla fascia 70-74 anni. || 18 mila dosi all’Ulss 6 Euganea e altre 23 mila all’azienda ospedaliera di Padova e Iov. L’arrivo della nuova scorta del siero Pfizer fa ripartire la macchina delle vaccinazioni nel padovano. I primi ad essere vaccinati saranno gli ultraottantenni che la scorsa settimana si sono visti cancellare la prenotazione a causa della fine delle dosi. Questo nuovo carico servirà a coprire – inclusi i richiami – 11 mila persone, sulle 17 mila aventi diritto. Per prenotare la vaccinazione questa volta bisognerà effettuare l’iscrizione online nel portale dell’ulss 6, non ci sarà più la convocazione per lettera, solo via sms. Gli ultaottantenni si dovranno far aiutare dai famigliari caregiver, oppure dalle farmacie che su base volontaria aderiscono al sistema di prenotazione o nei comuni. Entro fine aprile l’auspicio del direttore generale dell’ulss6 Paolo Fortuna è che si concludano le vaccinazioni degli ultraottantenni. Parallelamente l’ulss 6 ha aperto anche un nuovo slot di prenotazioni online per la fascia 75-79 anni con Astrazeneca, sapendo però che circa un 20% di questi soggetti dovrà poi in base alle patologie ricevere Pfizer. Si parte anche con la collaborazione con i medici di base. Da venerdì i medici di Medicina Generale si organizzeranno per effettuare 3.500 vaccinazioni con AstraZeneca, su una popolazione di età compresa tra 70-74 anni, da effettuare nell’arco di una settimana. Dal 22 aprile inizieranno anche con le vaccinazioni a domicilio per i super fragili che non possono muoversi da casa. Da maggio inoltre sempre in base alla disponibilità si partirà con una campagna di vaccinazione strutturata con Astrazeneca. Nel frattempo in attesa dell’arrivo delle prime dosi del vaccino Johnsson & Johnsson previste per i primi di maggio, l’ulss si sta muovendo per cercare nuove sede vaccinali. Il direttore generale Fortuna ha già avuto contatti con don Dante Carraro del Cuamm e con l’ospedale militare. – Intervistati PAOLO FORTUNA (Direttore Generale Ulss 6 Euganea) (Servizio di Valentina Visentin)


videoid(cKpwB8XJTd0)finevideoid-categoria(servizio_tg)finecategoria