18/05/2021 SOLESINO – Nel 2001 organizzò un concerto in memoria del giovane musicista di Solesino Giacomo Spanò scomparso prematuramente. Il legame con il territorio padovano del maestro Battiato morto oggi a 76 anni || A piangere il Maestro Franco Battiato, che si è spento a 76 anni nella sua residenza alle pendici dell’Etna, non c’è solo il mondo della musica e degli appassionatima quello di chi nel padovano, a vario titolo, si era legato al cantautore siciliano. Come Marco Spanò, che a seguito della perdita di suo figlio Giacomo, musicista di Solesino morto prematuramente a seguito di un incidente, cercò Battiato. La risposta fu senza esitazione per raccogliere l’eredità di un giovane e restituirla in musica in un concerto in beneficenza che si tenne ad Este nel 2001. frammenti dell’uomo Battiato, schivo e acuto – come lo ricorda chi l’ha conosciuto – che si intrecciano alla vastità musicale, alla quantità di generi entro i quali ha spaziato, dal rock progressivo, alla leggera, all’avanguardia, miscelate con la lirica in suggestioni musicali colte, raffinate e ironiche, alla base delle quali metteva intelligenza e cultura, come dichiarava nel 2011 ai nostri microfoni – Intervistati Al telefono MARCO SPANO’ (Papà di Giacomo Spanò) (Servizio di Luisa Bertini)


videoid(FpvH11-7X2M)finevideoid-categoria(servizio_tg)finecategoria