26/05/2021 DUE CARRARE – Riparte la mobilitazione popolare e di commercianti e agricoltori contro il paventato centro commerciale di Due Carrare, di fronte al castello del Catajo e a villa Mincana. Sulla vicenda l’8 giugno si pronuncerà, in via definitiva, il Consiglio di Stato. || Chiamarla resa dei conti non è eccessivo. Mancano pochi giorni infatti al pronunciamento del Consiglio di Stato sul ricorso della società che, di fronte al castello del Catajo e a villa Mincana, vuole costruire un centro commerciale. Sull’area la soprintendenza ha posto il vincolo di inedificabilità nel dicembre 2017 e un primo ricorso al TAR del Veneto della società costruttrice è stato respinto. Ma martedì 8 giugno sarà il consiglio di stato a sentenziare sull’ennesimo ricorso dei privati. Tornano a mobilitarsi di nuovo otto tra comitati popolari, associazioni ambientaliste e del paesaggio, del commercio e dell’agricoltura nazionali e locali, più il privato veneto, proprietario del castello.Il respingimento del ricorso è dell’aprile 2019. La società Deda proprietaria delle aree a novembre 2020 ha dichiarato fallimento. Forse un segno dei tempi, nei quali conviene investire in una economia sostenibile. – Intervistati ANNACHIARA CAPUZZO (Comitato La nostra terra), SERGIO CERVELLIN (Proprietario Castello del Catajo) (Servizio di Guido Barbato)


videoid(s4WgfE8LrAE)finevideoid-categoria(servizio_tg)finecategoria