07/06/2021 PADOVA – Infiltrazioni mafiose nelle associazioni sportive. Padova istituisce un osservatorio per sostenere le società in questa fase di ripartenza || Le società sportive si preparano a ripartire, ma per molte di loro questo avviene dopo quasi un anno di assenza di guadagni per colpa della pandemia. Il covid non solo ha portato un calo degli iscritti, ma anche molti sponsor hanno deciso di non finanziare più le società. Per questo motivo il Coni Veneto, l’assessorato allo sport di Padova, l’unione sportiva di Acli e il coordinamento provinciale di Libera Avviso Pubblico hanno deciso di creare un Osservatorio che possa farsi carico delle difficoltà di chi gestisce palestre o strutture sportive. I dati parlano chiaro. Unione sportiva Acli nel 2020 ha registrato un calo del 30% dei tesseramenti. Da 18 mila iscritti nella stagione 2019 si è passati a 6000 nel 2020 e circa 30 società hanno chiuso.Come prima azione concreta l’osservatorio raccoglierà informazioni con l’obiettivo di censire le principali difficoltà in modo tale da intercettare possibili tentativi di infiltrazione da parte di soggetti malavitosi. – Intervistati ROSSANO GALTAROSSA (Vice Presidente Coni Veneto) (Servizio di Francesco Rataj)


videoid(7lF874x6Y4k)finevideoid-categoria(servizio_tg)finecategoria