18/06/2021 MONSELICE – Sono un patrimonio inesauribile gli archivi delle ville venete da cui è tratta questa pubblicazione, sostenuta attraverso una borsa di studio istituita grazie alla famiglia Businaro, dall’Immobiliare Marco Polo, società della regione Veneto. || Il castello di Monselice, con la sua rocca e la via sacra con le sette cappelle, via giubilare. Villa Contarini a Piazzola sul Brenta, residenza nobiliare e vero e proprio centro economico nel 1600. Ci riportano al Veneto di cinque secoli fa questi due complessi monumentali, proprietà della regione che li gestisce attraverso la società Marco Polo. Grazie a una borsa di studio, istituita dalla società e finanziata dalla famiglia di Aldo Businaro, Andrea Savio ha realizzato questo volumetto che ci riporta, attraverso i documenti al 1600, alla Piazzola del patrizio veneto Marco Contarini e alla Monselice di Pietro Duodo. La storia e la cultura come volàno per la ripartenza del Veneto post covid. Una ricerca che non si ferma grazie alla volontà della famiglia Businaro di continuare a finanziare la borsa di studio. – Intervistati ALDO ROZZI MARIN (Amministratore Unico Società Marco Polo ), ANDREA SAVIO (Docente Didattica della Storia Università di Padova), CRISTIANO CORAZZARI (Assessore alla Cultura Regione Veneto), LUCIANO SANDONA’ (Consigliere Regionale Lista Zaia) (Servizio di Chiara Gaiani)


videoid(dAGb841Wl3g)finevideoid-categoria(servizio_tg)finecategoria