18/06/2021 NOVENTA PADOVANA – Colpo di scena durante il processo a Freddy Sorgato per la detenzione di armi e munizioni. Parla la sorella Debora per difenderlo e accusare Manuela Cacco || Parla, ma solo per scagionare il fratello e per accusare Manuela Cacco che a sua volta è la sua principale accusatrice. Colpo di scena al processo contro Freddy Sorgato. La sorella Debora in collegamento video dalla casa di reclusione di Vicenza dove sta scontando la sua pena per l’uccisione di Isabella Noventa ha deciso di parlare davanti al tribunale collegiale di Padova durante il processo contro il camionista ballerino accusato per la detenzione illegale di armi da fuoco. I due fratelli sono in carcere e devono scontare 30 anni per aver ucciso e fatto sparire il corpo di Isabella Noventa nel gennaio del 2016. «Quelle pistole me le ha portate Manuela Cacco, Freddy non ne sapeva nulla» ha detto Debora e questa dichirazione è già stata trasmessa in Procura e il pm sta valutando di indagare la donna per calunnia e falsa testimonianza. Secondo il racconto di Debora anche lei ignorava il contenuto della scatola e dopo averlo casualmente scoperto, ha deciso di portare tutto a casa del suo compagno dell’epoca un carabinierie che nelle fasi successive dell’arresto della donna le fece ritrovare armi, munizioni e anche 124 mila euro. Per questo nuovo processo contro Freddy, il magistrato ha chiesto per l’autotrasportatore di Noventa Padovana una condanna a tre anni e 4 mesi di reclusione. La prossima udienza è stata fissata per il 3 febbraio, quando ci sarà la lettura della sentenza. (Servizio di Valentina Visentin)


videoid(ML3iwkWFNr0)finevideoid-categoria(servizio_tg)finecategoria