05/08/2021 PADOVA – Seconda fase di un’operazione della finanza di Padova che ha sgominato un’associazione dedita all’evasione fiscale nel settore del pellet. Sequestrati beni per 4 milioni di euro || Una frode fiscale messa a segna grazie a fatture di operazioni inesistenti nel settore del commercio del pellet. La guardia di Finanza di Padova ha sequestarto beni per quasi 4 milioni di euro. Un provvedimento che arriva dopo una lunga indagine iniziata nel giugno del 2020 e che aveva già portato alla denuncia di 23 persone e per 7 di loro anche l’arresto. Dopo queste prime misure, i finanzieri hanno proseguito le indagini esaminando i documenti sequestrati nelle 9 imprese, amministrate dal promotore del sodalizio criminale radicato nella bassa padovana, già condannato, tra l’altro, per associazione di stampo mafioso. Grazie ai fascicoli sequestrati sono emerse tutte le fatturazioni per operazioni inesistenti, oltre 3 milioni e 800 mila euro nascosti al fisco. Sono stati così sequestrati 10 autoarticolati, un complesso aziendale operante nel campo della logistica e 40 mila sacchi di pellet del valore di circa 200 mila euro. (Servizio di Francesco Rataj)


videoid(GToPa5X-opk)finevideoid-categoria(servizio_tg)finecategoria