21/08/2021 PADOVA – Saranno le città di Padova e Piazzola sul Brenta le prime della provincia ad accogliere i rifugiati in fuga dall’Afghanistan. Qui vivranno le prime tre famiglie in arrivo a fine mese. Preoccupa l’evolversi della situazione, soprattutto l’arrivo di bambini e ragazzi soli. || Padova fa quadrato pronta ad accogliere i rifugiati in fuga dall’Afghanistan. Il tavolo convocato in prefettura con la presenza dei gestori della rete di accoglienza, dei comuni e della Caritas ha già individuato le prime soluzioni per le 13 persone, si tratta di tre famiglie, in arrivo a fine mese. I rifugiati vivranno a Padova e Piazzola sul Brenta dove sono stati individuati i primi tre alloggi ma già si guarda avanti. Da Kabul non si riesce a partire, ma la rotta Balcanica potrebbe rappresentare la salvezza per uomini e donne disperate che pensano prima di tutto a salvare figlie e figli. In campo anche gli industriali che si impegnano a trovare un lavoro a queste persone. Una gara di solidarietà che coinvolte tutti. – Intervistati SERGIO GIORDANI (Sindaco di Padova), FABIO BUI (Presidente Provincia di Padova), LORENZO RAMPON (Direttore Caritas Diocesi di Padova) (Servizio di Chiara Gaiani)


videoid(kwg_2HANS6E)finevideoid-categoria(servizio_tg)finecategoria