22/11/2021 PADOVA – Ha vissuto da direttore sanitario dell’Ulss 6 Euganea tutti le ondate della pandemia a partire dal 21 febbraio 2020. Patrizia Benini adesso è direttore generale dello Iov ma conosce bene quanto stiano soffrendo i sanitari, ancora una volta in prima linea, pronti a fronteggiare l’arrivo della quarta ondata. || Ha vissuto tutto in diretta Patrizia Benini ma dalla stanza dei bottoni, dove ogni decisione poteva costare delle vite. Era direttore sanitario dell’Ulss 6 Euganea il 21 febbraio 2020 quando venne chiuso l’ospedale di Schiavonia, l’inizio della guerra contro un nemico sconosciuto che i sanitari hanno combattuto in prima linea. Ma se all’inizio il fronte della società civile si è rivelato compatto, le crepe si sono fatte più evidenti di ondata in ondata e adesso la gente fatica a capire che negli ospedali si continua a fare il massimo. La quarta ondata è qui. Le armi per combattere sono quelle che ci indica la scienza ripetono i sanitari, vaccini e mascherine, ma il fronte è ancora più frastagliato e chi è ancora una volta in prima linea soffre. – Intervistati PATRIZIA BENINI (Direttore Generale Iov) (Servizio di Chiara Gaiani)


videoid(EimZatzCnuw)finevideoid-categoria(servizio_tg)finecategoria