25/11/2021 TOMBOLO – La scomparsa di Ennio Doris, presidente onorario della Mediolanum. Sono ore febbrili a Tombolo dove si sta lavorando in vista di sabato. Tre maxischermi saranno allestiti nel paese, attese migliaia di persone e molte autorità. || Tornerà venerdì pomeriggio nella sua Tombolo Ennio Doris. Sabato mattina alle 8.30 l’apertura della camera ardente nella sua residenza, alle 14.30 il funerale celebrato dal parroco don Bruno Cavarzan nella chiesa di Sant’Andrea. Ore febbrili di lavoro per la comunità, impegnata nel rendere omaggio a un grande concittadino, un amico fraterno, un grande benefattore. Nel comune saranno allestiti tre maxischermi, nel sagrato della chiesa una tensostruttura in grado di ospitare sei, settecento persone. 140 le autorità attese: il presidente del Veneto Luca Zaia, Silvio Berlusconi e Fedele Confalonieri, il regista Ferzan Ozpetek e molti altri. Ma saranno tanti anche gli amici che vorranno essergli accanto nell’ultimo viaggio. Nelle vie d’accesso al comune, saranno posizionati varchi per il controllo del green pass, dalle 13 chiuse le provinciali da San Martino di Lupari e da Cittadella. A vigilare gli uomini della protezione civile, i carabinieri in pensione, donne e uomini delle forze dell’ordine. – Intervistati CRISTIAN ANDRETTA (Sindaco di Tombolo) (Servizio di Chiara Gaiani)


videoid(oJwATNV6Qqg)finevideoid-categoria(servizio_tg)finecategoria